Il Principe Pirata

cropped-12241070_981751421881850_7075730019637652879_o.jpgIl Principe Pirata è un romance storico breve pubblicato dalla Casa Editrice digitale Emma Books il 18 Novembre 2015. Ambientato nel Salento di fine 400 durante il Regno di Ferdinando I d’Aragona, in un momento in cui gli attacchi dei pirati turchi erano particolarmente efferati, narra della rischiosa storia d’amore tra Isabella, figlia illegittima di un Duca, e Haydin, un pirata ottomano.

Sinossi

1480. Isabella, figlia illegittima del Duca di Nardò, vive con la madre nel Castello di Roca, in Salento. I colori vividi di quella terra selvaggia rispecchiano la sua indole ribelle e caparbia. Durante una delle sue brevi fughe alla Grotta della Poesia, una baia solitaria dalle acque cristalline, Isabella incontra Haydin, corsaro affascinante e tenebroso. Il nascondiglio di Isabella è dunque ora violato, la serenità turbata dalla scintilla della passione, mentre la tranquilla vita di Roca è sconvolta dalle incursioni dei Turchi. L’attrazione tra la giovane e il pirata che esplode con violenza è troppo rischiosa per entrambi, ma il desiderio tenace che contrae lo stomaco e lascia senza parole è impossibile da dimenticare..

Incipit

Il silenzio e l’oscurità avvolgevano le stanze fredde e spoglie del vecchio castello. Il sole stava sorgendo, ma i pesanti tendaggi impedivano alla luce di entrare e di illuminare le pietre grigie. Isabella scivolò agile lungo la robusta ringhiera in legno e scese al piano inferiore, avvolta in una mantella di seta leggera. Camminava silenziosa, i piedi nudi sulle pietre fredde e lisce del pavimento. Giunta davanti alla stanza della cuoca sentì dei rumori e affrettò il passo per non farsi vedere. In pochi minuti la donna sarebbe entrata nelle cucine a preparare la colazione e, se l’avesse vista, avrebbe svegliato la sua dama di compagnia, così Isabella avrebbe dovuto rinunciare alla scorribanda mattutina. Attraversò di corsa le cucine e si diresse verso una vecchia porticina in legno dietro la dispensa. Afferrò con sicurezza la chiave nascosta tra i barattoli delle marmellate e aprì con cautela la serratura. I cardini erano ben oliati, ma in tutto quel silenzio ogni minimo rumore sembrava amplificato. Non appena socchiuse la porta, un forte odore di muffa e salsedine le inondò le narici. Isabella avrebbe percorso quel passaggio segreto anche a occhi chiusi. Suo padre glielo aveva mostrato quando era bambina, e da allora lei lo aveva imboccato ogni volta che poteva per sfuggire alla cupa atmosfera della casa. Era certa che la servitù fosse a conoscenza delle sue piccole fughe, ma l’importante era che non ne giungesse notizia alla madre, Maria Colonna, dispotica e arcigna Baronessa di Roca e Melendugno. Se lei l’avesse scoperto, avrebbe fatto murare l’intero passaggio, Isabella ne era certa.

Recensione

Con una dettagliata descrizione dell’ambiente e una convincente caratterizzazione dei personaggi l’autrice riesce a mandarci indietro nel tempo e a farci rivivere la situazione pericolosa e romantica della protagonista.
Una fiaba in cui non c’è il consueto principe e in cui la principessa proprio non vuole farsi salvare. Ma è in questa originalità che ritroviamo i sentimenti di cui Sabrina Grementieri è una profonda conoscitrice.
Consiglio la lettura di questa novella a tutti coloro che vogliono trascorrere delle ore piacevoli con una storia di evasione e di qualità.

http://www.emmabooks.com/?s=Il+Principe+Pirata&x=0&y=0&lang=it

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *