Archivi tag: in evidenza

Dolomiti: pietre o nuvole?

Non so se capita anche a voi che i luoghi vi parlino. Certo, non nel senso più comune del termine: ancora non sento “le voci”.

Ho sempre pensato che la natura fosse la più bella tra le opere d’arte e uno dei motivi per cui mi piace viaggiare è per ammirare sempre scorci nuovi.

Molte delle persone che conosco amano il mare e il caldo e, se le interpellate su di me, vi diranno che ho sangue montanaro nelle vene. In realtà ho visitato posti di mare che custodisco con cura nella mente e nel cuore, così come zone collinari dai contorni morbidi ed eleganti alle quali penso sempre con nostalgia.

Quello però che provo ogni volta che arrivo in Alto Adige non è di semplice descrizione: sento il muscolo cardiaco che si distende, sembra quasi ingrandirsi per accogliere tutta quella bellezza. Capita tutte le volte, e sono trascorsi trent’anni da quando ho messo piede lassù.

Come avrei potuto non ambientare un romanzo in una terra che considero casa? E così, a breve, uscirà Il calore della neve, con Fabbri Editore. Il libro è appena andato in stampa e stiamo definendo i dettagli perciò non potrò svelare molto.

Ma il paese dove vivono i protagonisti esiste davvero, per quanto gli abbia cambiato nome. Una valle piccola e ariosa all’interno del Parco Naturale Fanes-Senes-Braies. Una manciata di case dai muri spessi,  la chiesa con il campanile medioevale candido e longilineo e le vette delle dolomiti a fare da sentinelle. I colori delle rocce mutano a ogni alba e a ogni tramonto: dal rosa antico al madreperla, dal viola all’argento. Non è difficile capire perché le Dolomiti sono considerate Patrimonio dell’Umanità e Dino Buzzati ha reso molto bene la loro bellezza ne Le montagne di Vetro del 1956:

Avvicinatevi, vi prego, esaminate questo spettacolo che senza ombra di dubbio è una delle cose più belle, potenti e straordinarie di cui questo pianeta disponga… Sono pietre o nuvole? Sono vere oppure è un sogno?

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail